Che bello colorare con i gessetti!

A chi non piace colorare con i gessetti? A noi piace tantissimo, infatti già questa estate avevo creato per Matteo un tavolo lavagna da usare in cortile con quei bei gessi giganti che ormai si trovano dappertutto, avevo ancora un po’ di pittura effetto lavagna e così l’ho usata per dipingere la superficie di un tavolino di plastica e direi che gli è piaciuto un sacco.

Ora invece mi serviva qualcosa di più pratico da tenere in casa e che come al solito occupasse poco spazio una volta ritirato. Con del bellissimo tessuto lavagna  e qualche bella stoffina mi sono divertita a creare una lavagnetta casalinga o da viaggio, con due comode taschine per riporre gessetti e cancellino. Quando non si usa si può comodamente arrotolare e ritirare senza lasciare nulla in giro.  Comoda e pratica.

Il mio grande dubbio era il cancellino, non sapevo se farlo con della spugna o in che modo? Poi mia mamma mi ha salvata con un’idea carinissima…. “arrotola del feltro, così lo fai simile a quelli delle lavagne di scuola” … detto fatto …ottima idea!

 

Nella vecchia fattoria… ia…ia…oh

Finalmente ce l’ho fatta ad esaudire un piccolo desiderio del nostro Matteo. Da tempo infatti mi stava chiedendo di fargli una fattoria perchè gli piace tanto giocare con gli animali, ma purtroppo i mercatini di Natale erano vicini e il tempo a mia disposizione davvero troppo poco. Così ho dovuto chiedergli di pazientare un pochino…

Da subito però ho iniziato a pensare a come realizzare la fattoria, più che altro non sapevo se farla modello quiet book o a tappeto gioco e se applicare o meno velcro o bottoni  a pressione ai vari animali, se usare solo feltro o anche stoffa. Ho curiosato tantissimo sul web, e in particolare su pinterest (che adoro)… risultato… ancora più confusione 😉 .

Come ormai mi capita quasi tutte le volte  mi sono messa al lavoro senza avere ancora ben in mente come sarebbe dovuto essere da finito, ma in fondo essere creativi è un po’ proprio questo, si fa, si disfa, si rifà e pian piano le cose prendono forma.

Ho iniziato dal contadino seguendo il cartamodello di Erica Catarina  e appena Matteo l’ha visto  era felicissimo “grazie mamma hai iniziato la mia fattoria?” ❤ ❤   e da lì una serie infinita di domande e richieste, dove sono gli animali, lo steccato, la fattoria?? ecc, ecc. Insomma piccolino, ma con le idee ben chiare di come voleva la sua fattoria.

La cosa più ovvia mi è sembrata quindi chiedere direttamente a lui come avrebbe voluto fosse la sua fattoria,  e da lì cercando di seguire le sue richieste pian piano ha preso forma. Da subito mi ha detto di preferirla a forma di tappeto gioco e non a libro perchè la voleva più grande e così ho deciso di accontentarlo. Pian piano sono nati i vari animali, e i vari “accessori” che lui mi diceva dove voleva fossero posizionati. Quante richieste, mamma mia, ammetto che in certi casi ho dovuto convincerlo a rinunciare ad alcuni dettagli che mi avevano messo un po’ in crisi. Alla fine ce l’ho fatta, fattoria conclusa e Matteo super entusiasta del suo nuovo gioco progettato direttamente da lui 🙂

Ora vi lascio un mini tutorial fotografico per spiegarvi come è venuta.

IMG_20180126_152333

Ecco la nostra fattoria. Queste in foto sono le parti cucite al tappeto.

IMG_20180118_100142

Il campo funge da tasca, in modo da poter riporre gli animali quando è ora di ritirare il gioco.

IMG_20180126_153232

Brum brum si parte… il trattore scorre facilmente

IMG_20180126_152404

Dietro alle porte della fattoria si nasconde una taschina

IMG_20180126_152802

Tutte le aiuole possono fungere da taschina per gli animali

IMG_20180126_152503

Gli animali possono entrare dentro le steccato

IMG_20180126_152533

Cucù dal pollaio


IMG_20180117_151210

Eccola piena di animali che non vedono l’ora di giocare!

IMG_20180126_153025

Pronta per essere ritirata

Come si vede dalle foto, alla fine non ho applicato nè velcro, nè bottoni a pressione, perchè Matteo mi ha detto che non li voleva, così si sente libero di spostarli a piacimento.

A lui piace moltissimo, e io mi perdo ad osservarlo mentre gioca e inventa le sue storie che ogni volta assumono caratteristiche diverse, spero che sia piaciuta anche a voi.

Alla prox creazione!

Alice

Chi è mamma lo sa!

Se prima di diventare mamme potevamo permetterci di uscire con borse striminzite in cui ci stava o ci facevamo stare lo stretto necessario, dopo la nascita dei nostri cucciolotti questo non è più possibile. Ogni volta che si esce di casa sembra di partire per le vacanze e tra le tante cose, nelle nostre borse non può mai mancare un cambio (se non due), perchè non si sa mai… ed ecco allora sempre il problema di dove mettere i vestitini in modo che siano riparati e non a contatto con le varie cianfrusaglie.  Io per un po’ ho usato le classiche sacchette plasticose, ma sinceramente mi sono stufata di tutta questa plastica. Ecco allora qualche sacchettino di cotone, bello colorato, completamente foderato e richiudibile con un bottone. Non troppo grandi, comodi da mettere in borsa o in valigia, comodi da lavare e da riusare all’infinito, e quando non si usano si possono far su ed occupano poco spazio 😉  Personalmente li trovo anche molto carini da portare già all’ospedale per i primi cambi dei neonati! 🙂

Mamma, papà posso portare i miei giochi al mare?

Estate, tempo di mare, sole, spiaggia, relax e per chi come noi ha almeno un bimbo, taaaanti giochi da portare sempre con sè…  perchè ovviamente anche al mare bisogna divertirsi e giocare, scavare, costruire… Per quanto cerchiamo di insegnargli ad adattarsi all’ambiente che lo circonda giocando anche con quello che trova intorno a sè, quando si parte per un periodo più o meno lungo è impossibile non fargli portare con sè qualche giochino o libricino inseparabile… E se paletta, secchiello e attrezzi da spiaggia sono praticamente già in macchina, occorre scegliere anche qualcosa di piccolino e con cui si possa passare il tempo anche in altri momenti della giornata.

Già per noi adulti è difficile scegliere cosa portare e cosa lasciare a casa, figuriamoci per un bimbo! Ecco allora la sacchetta dei giochi… piccolina, da portare ovunque, ma in cui ci posso mettere solo quello che ci sta…. e ovviamente non poteva che essere riempita con i suoi adorati Lego 🙂   (non avevamo alcun dubbio!)

 

Set asilo… si comincia!

Lo so manca ancora un po’, ma il tempo passa talmente in fretta che mi sono messa all’opera, anche perchè, diciamo le cose come stanno, quando si fa quello che ci piace fare non si vuole perdere tempo e non si vede l’ora di avere tra le mani la nostra nuova creazione.

A Settembre sarà già ora di cominciare l’asilo (anzi la Scuola dell’Infanzia), quindi eccomi all’opera a realizzarti bavaglini, asciugamani e sacchette <3. Ci ho messo un po’ a capire come fare la sacchetta, ma ora con qualche prova e tanti consigli della nonna, dovrei aver trovato la giusta soluzione. Ed ecco qui il tuo primo set. . .

setasilo

Set asilo – by CreAli

Ovviamente non poteva mancare anche la versione femminile per la nostra cuginetta. . .

setasilof

Set asilo – by CreAli

E ora che so come farli non mi resta che continuare, mica ne servirà uno solo,vero? 😉

Quiet book… un libro pieno di creatività

Finalmente posso dire di avercela fatta anche io a fare un quiet book; è tutto assemblato pronto ad essere usato dal mio piccolo Matteo.

Non è perfetto, non è strafigo e sono consapevole di aver fatto qualche errore e che nel caso decidessi di farne altri dovrei fare attenzione ad alcuni accorgimenti, ma sono soddisfatta di avercela fatta. E poi si sa le imperfezioni fanno parte del “fatto a mano, ma con il cuore” , e non c’è gioia più grande per una mamma creativa di sentirsi dire  “grazie mamma che hai fatto questo libro per me” ❤ .

In un mondo dove ormai si vive solo di tutto e subito, credo sia importante far capire ai nostri figli che tutto va costruito e che per farlo ci vuole tempo, sacrificio e amore. E ora non mi resta che osservarlo mentre ci gioca, osservare la sua fantasia innata. Chissà, magari tra un po’ mi verrà voglia di cominciarne un altro, vedremo.

Questo è il risultato finale, se avete voglia lasciate un vostro commento, un mi piace o una condivisione,  mi farà sicuramente piacere. A presto!

Quiet book… si procede!

Tra un’idea, qualche tentativo vanificato e qualche test di chi poi dovrà giocarci ecco che qualche altra paginetta sta prendendo forma…

coniglio

coniglietto puzzle

Ecco che un simpatico coniglietto puzzle farà compagnia alla tartarughina, tanto per iniziare  a prendere confidenza con animaletti e forme da abbinare.

E per cominciare  a conoscere i primi numeri altre due paginette belle colorate…albero

albero1

Natura

Da una parte un paesaggio da completare divertendosi  con foglie,uccellini, fiorellini, funghetti e nuvolette e che può cambiare di volta in volta in base alla fantasia dei bimbi. Nell’altra paginetta i numeri per iniziare a imparare divertendosi. 🙂

Alle prossime pagine.

Quiet book

Eccomi alle prese con il mio primo quiet book… ma cosa sono??? Libri della calma o della quiete, che in realtà sono dei libri che devono catturare l’attenzione dei bambini, tenerli concentrati e impegnati in un’attività, e che si rivelano molto utili da usare in tutte quelle situazioni in cui in realtà non c’è spazio per giocare come ad esempio in macchina, al ristorante, o semplicemente quando si ha voglia di giocare con un libro un po’ particolare. Sul web se ne vedono di tutti i generi, alcuni sono veramente spaziali, curati in ogni dettaglio; certo è che per realizzarne uno ci vuole davvero tantissimo tempo e pazienza.

E così da creativa non potevo tirarmi indietro in questa sfida,  sperando prima o poi di riuscire anche a portarla a termine. Intanto stanno prendendo forma le prime pagine e Matteo per ora gradisce.  Ecco, per ora ho cominciato con una tartarughina puzzle, tanti pezzetti da staccare e attaccare nella giusta posizione. L’erba funge anche da taschina per riporre i pezzetti staccati.

tartaruga2tartaruga